Scegliere e conservare il salmone

Scegliere e conservare il salmone

Per essere sicuri di portare in tavola un prodotto di ottima qualità, sono necessarie alcune accortezze. Ecco come scegliere il salmone fresco e come conservare quello affumicato.

Come scegliere il salmone fresco

Il Salmone Norvegese ha una carne soda e fresca, dal naturale colore rosato. Per capire se il salmone è davvero fresco è molto importante fare attenzione all'aspetto. Quindi al momento dell'acquisto è necessario controllare che: le squame siano ancora intatte, con un aspetto luminoso; non siano presenti lividi sulla pelle; abbia un profumo fresco di acqua marina, simile a quello delle ostriche; gli occhi siano chiari, con le pupille scure; le pinne non siano marroni; la carne sia soda ed elastica e che rimbalzi indietro quando viene premuta con la punta del dito;  l'interno dello stomaco sia liscio, senza tracce di sangue, interiora o aree scure; 

Come conservare il salmone affumicato

Il salmone affumicato va conservato in frigo e consumato entro la data di scadenza, che deve essere presente sulla confezione. La temperatura è importante, è meglio più fredda possibile. Il salmone affumicato va tirato fuori dal frigo 15 minuti prima di servirlo per permettergli di raggiungere il gusto ottimale. Ne bastano circa 75/100 grammi a persona. Dopo l'apertura della confezione, il salmone affumicato va consumato nel giro di 5-6 giorni. Tenerlo a temperatura ambiente riduce la sua durata di conservazione: dopo l’apertura della confezione, per ogni ora che viene lasciato a temperatura ambiente si accorcia la possibilità di essere consumato di un giorno. 

Come-conservare-il-salmone-affumicato_small